Perchè lo yoga mi farà perdere clienti, oppure acquisire riceventi consapevoli :)

June 26, 2018

 

La nostra società ci ha abituato a non prenderci cura di noi se non in momenti nei quali, in un modo o nell'altro, il nostro corpo urla dolore.

 

Ci ricordiamo del nostro corpo solo quando fa male e spesso cerchiamo un rimedio immediato (una pillola, qualunque essa sia) per alleviare tale dolore. E poi torniamo a dimenticarci del nostro corpo, di noi stessi.

 

Tante sono le persone che vengono da me in studio con dolori muscolari, chiedendo una soluzione immediata (la pillola). Mezz'ora di massaggio cervicale. Risolviamola lì. Quando passerà? Quante sedute per guarire?

 

Guarire da cosa? Da una contrattura? Non è patologico.

Il mio lavoro può essere ottimale ma quello che spaventa spesso il ricevente è sentirmi rispondere: dipende.

 

Dipende da quanto il ricevente voglia prendere in mano la sua vita.

Voglia abbandonare stili di vita compromettenti, posture errate, pensieri negativi.

 

Quello che spesso chiedo io è di mettersi in gioco. Se siete sportivi se fate stretching (ed il 90% delle volte la risposta è negativa). Se non lo siete spesso dico: perché non fate yoga?

La risposta maggiore è: non ho tempo.

 

Non che voglia sindacare, ben inteso, provo a farvi un paragone.

 

Immaginate di dover fare un viaggio, lungo. Vi mettete in macchina e guidate. Volete fare in fretta quindi decidete di non voler fare soste. Ad un certo punto la macchina entra in riserva. Voi non volete fermarvi e continuate il viaggio. Che lo vogliate o no, sarà la macchina a fermarsi prima del vostro arrivo. Nulla da fare.

 

Ecco, il vostro corpo è la vostra macchina, alla quale fare benzina e manutenzione (regolare). Se non la fate, prima o poi si ferma.

 

Dovreste vederla così: manutenzione continua e regolare. Non c'entra il tempo. E' questione di necessità.

 

I massaggi, tutti, sono una strada, ma non l'unica percorribile. Anzi, magari uno potesse fare un massaggio al giorno. Invece chi è fortunato riesce a farne uno la settimana.

 

Durante il giorno, ogni giorno, ci sono 1440 minuti. Basterebbe utilizzarne 15 al giorno per fare 2 serie di "saluti al sole" per vedere i risultati in poco tempo. Sono l'1% del tempo di una giornata. MA TUTTI I GIORNI (o quasi).

 

Questo per dire, senza girarci troppo intorno: se mi dite che non avete tempo è una scusa!!! Sia chiaro, è una scusa che dite a voi, la manifestate ad alta voce, io la sento ma la state dicendo a voi stessi.

 

Non ho tempo.

 

E' come fare due massaggi linfodrenanti e continuare a mangiare hamburgher e patatine fritte e poi dire: i massaggi linfodrenanti non funzionano.

 

Poi ognuno è liberissimo di fare come meglio crede.

 

E ritorno allo yoga. Ci sono infiniti modi di fare yoga. Infiniti centri e moltissimi e validissimi insegnanti. Magari però il prezzo è elevato oppure le classi hanno orari di pratica improponibili.

 

Ci sono anche praticanti di yoga che passano l'intera esistenza a fare "solo" IL SALUTO AL SOLE.

 

Questa serie di asana è codificata in svariati modi ma spesso si compone di circa 12 asana (posizioni) abbastanza facili da effettuare, spesso senza neanche il bisogno di un supporto come il tappetino classico con il quale si pratica lo yoga. Non me ne vogliano gli insegnanti che eventualmente leggono il post: facile non significa banale ed il vostro supporto è sicuramente importante.

 

Se tutti noi, o la maggior parte di noi, effettuasse una pratica del genere quotidianamente, sono convinto che si potrebbe invecchiare in maniera decisamente meno faticosa e magari, in modo più consapevole, avvicinarsi ai massaggi senza l'ansia di risolvere un problema contingente ma apprezzandone ogni gesto, ogni momento, ogni delicata manovra. Divenendo riceventi consapevoli. Avvicinarsi a tutti i massaggi olistici avanzati. Rigenerando lo spirito ed apprezzando la piacevolezza di una danza tra anime, senza aspettarsi nulla ottenere il massimo del risultato possibile.

 

Ora, vista la premessa, proverò, nel seguito del presente articolo, ad esporvi i benefici di una pratica costante che ha millenni di storia alle spalle.

 

Lo yoga è nato in India circa 5000 anni fa. La parola Yoga significa unione e si riferisce alla connessione tra corpo, mente e spirito.

 

Le più comune tecniche praticate nello yoga sono le posizioni ( asana in sanscrito ), gli esercizi di respirazione (pranayama in sanscrito ) e la meditazione.

Se praticato regolarmente, lo yoga ti mantiene in salute, può far scomparire problemi e dolori e previene altri problemi legati allo squilibrio corporeo, dona una maggiore chiarezza mentale, bilancia le emozioni.

 

Una pratica regolare migliora tutti i sistemi del corpo: scheletrico, muscolare, pelle, circolatorio, nervoso, digestivo, respiratorio, endocrino, escretore e, puoi starne certo, anche quello riproduttivo!!!

 

Gli asana, le posizioni dello yoga, rafforzano ogni singolo muscolo del corpo.

 

Mantenere le articolazioni, i tendini e i muscoli flessibili, è di fondamentale importanza per evitare infortuni e per stare in forma.

Per esempio molte persone che soffrono di artrite trovano un incredibile sollievo grazie allo yoga.

Inoltre, una maggiore flessibilità migliora anche l’allineamento del corpo, migliora la postura e di conseguenza dolori alla schiena e al collo, incubi per molte persone, scompaiono come per miracolo.

Purtroppo tanta gente pensa che se non sei flessibile non puoi fare yoga.

E’ una cosa sbagliatissima!!!

 

Quando si comincia a fare yoga è normale essere rigidi e che non si riesca nemmeno a toccarsi le punte dei piedi, ma con il tempo i muscoli, i legamenti e tendini si allungano e si acquisisce una incredibile elasticità.

 

Ognuno di noi vorrebbe possedere più energia vitale ed essere più attivi durante la giornata.

 

Lo yoga riduce lo stress, permette ai muscoli contratti di rilassarsi ed equilibra tutto il corpo. Questi benefici, non solo ti aiutano a dormire meglio, ma la fatica viene ridotta ed, in generale, c’è un incremento dell’energia per tutto il giorno.

 

Lo yoga è la combinazione di esercizi fisici, mentali e tecniche che aiutano ad equilibrare anche tutto il sistema digestivo.

Con questo sistema in equilibro arriverai, giorno dopo giorno, ad assumere abitudini alimentari più corrette e salutari, e di conseguenza arriverai anche a raggiungere un peso ottimale per il tuo fisico.

 

Tutti i tipi di yoga sono eccellenti per il cuore. La pratica regolare abbassa il battito cardiaco e la pressione sanguigna.

Gli asana rafforzano il cuore e, con il tempo, questo organo arriva a pompare il sangue in modo più efficiente e con maggiore ossigeno.

 

Il pranayama, ma anche la semplice pratica delle posizioni, ti insegna a respirare più profondamente e più lentamente.

Questo migliora il funzionamento dei polmoni e, allo stesso tempo, aumenta la quantità di ossigeno assorbita in ogni respiro.

Di conseguenza, poiché i polmoni lavorano meglio, molti praticanti ottengono notevoli benefici per l’asma, lo stress e la fatica.

 

Lo yoga stimola il sistema nervoso parasimpatico che a sua volta ha un azione calmante. Questo effetto rilassante agisce indirettamente sul sistema immunitario rafforzandolo notevolmente. Di conseguenza il corpo combatte i virus ed i batteri più velocemente e più facilmente.

Inoltre una pratica regolare permette al corpo di espellere tossine dagli organi, e questo permetterà un ulteriore miglioramento del sistema immunitario.

 

La consapevolezza è un’altro beneficio mentale che insorge se si pratica yoga con costanza.

 

Grazie allo yoga, ma soprattutto grazie alla meditazione, si può coltivare la consapevolezza in modo da non essere più schiavi dei propri pensieri.

Un altro benefici mentale che deriva dalla pratica è la concentrazione.

 

Tutti noi viviamo delle emozioni che spesso portano a reazioni troppo istintive.

Grazie allo yoga si diventa lentamente sempre più consapevole di questi stati emotivi vedendoli con una sorta di “distacco yogico” ed è proprio questa distanzia che ci permette di osservare tutto questo senza esserne coinvolti.

 

Grazie alla consapevolezza, al distacco e alla capacità di lasciare andare, qualità che si acquisisco con la pratica costante, possiamo invece osservare i fenomeni da distanza ed in questo modo non ne siamo controllati.

Non essere coinvolti di conseguenza ci permette di fare delle scelte sicuramente più libere perché meno condizionate dall’emozioni stesse.

 

In ultimo sdrammatizzo, lasciandovi come link qui sotto due video, il primo è una pratica del saluto al sole per principianti, il secondo una canzone consolatoria :)

 

Grazie e a presto.

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

September 26, 2019

June 21, 2019

Please reload

Archivio