Spogliandosi

April 13, 2018

Una citazione attribuita a Murakami recita: “Conoscere la verità regala all’uomo la giusta forza. Qualunque sia la verità.”

 

Si chiama consapevolezza. Ed è un percorso difficile quanto produttivo. 

 

Diventa possibile quando una persona riesce a sintonizzarsi sul proprio io più interiore,  sulle proprie paure, sui propri confini ed i propri bisogni.

 

Esistono tante strade per raggiungere tale obiettivo. Nessuna in realtà è facile.

 

Spesso i passaggi sono stretti, ruvidi. Le superfici del proprio animo non sono mai lisci e splendenti. Ci si graffia, ci si infilza con acute emozioni. A volte facendosi male, si piange.

 

Si rotola sui propri limiti, si cade sui propri dubbi.

 

Non è mai un problema cadere. Il miglior guerriero non è certo colui che non cade. Diventa fondamentale imparare a rialzarsi. Saperlo fare zoppicando. Trascinarsi allo spasmo.

 

Forza, rialzati. Scopriti, ferisciti. Piangi se necessario. Urla e graffia l'esistenza. Sarai una persona nuova. Ti scoprirai più fragile ed esploderai in mille pezzi: contali e rimettili insieme.

 

Lasciati indietro ciò che è superfluo, l'amore: quello necessario, portatelo dietro. Quello è leggero.

 

Di tutti questi percorsi alcuni passano per le pratiche fisiche, altre sono più meditativi. Io ne conosco alcuni e ti sembrerà strano sentirli chiamare così, soprattutto se non hai mai affrontato un sentiero come quello di cui parlavo: si chiamano massaggi.

 

Hanno nomi esotici, come il lomi lomi, o evocativi come il bioemozionale. Richiamano terre lontane, come l'ayurvedico, o pratiche mistiche come il massaggio sensibile.

 

Li accomuna un minimo comune denominatore:  si chiama consapevolezza.

 

Ti fidi? Si comincia spogliandosi per rendersi conto di non essere nudi.

 

Fabrizio

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti

September 26, 2019

June 21, 2019

Please reload

Archivio